Consigli per lavorare bene da casa

Consigli per lavorare bene da casa

Consigli per lavorare bene da casa

Beamat – Consigli per lavorare bene da casa

Lavorare da casa è ormai una realtà che appartiene a sempre più professionisti.
E in questa nuova dimensione di smart working non è sempre facile far coincidere vita privata e vita professionale.
Come trarre quindi il meglio, se non addirittura migliorare, la propria condizione e la propria produttività?

Noi di Beamat, che da sempre annoveriamo lo smart working tra le nostre modalità operative, abbiamo qualche consiglio utile per lavorare da casa e riuscire a far coincidere senza sforzo la vita privata e quella lavorativa.
Con questi piccoli accorgimenti, potrete tutelare il vostro benessere, e quello delle persone che vi circondano e dei più piccoli.

Consigli per lavorare da casa

Lavorare in sicurezza

Lavorare sicuri è fondamentale, sempre, in qualsiasi ambito, e il lavoro da casa non è da meno.
Lo smart working, infatti, prevede necessariamente l’uso di internet per poter svolgere le proprie mansioni.
Un uso della rete fatto in maniera inconsapevole e poco protetta potrebbe mettere a repentaglio la sicurezza sia nostra che dei nostri cari, dei nostri colleghi e della nostra azienda.

I cyberattacchi sono infatti molto più frequenti di quello che si pensa ed è fondamentale sapersi proteggere.
Come fare a proteggersi dai pericoli del web?
Acquisire le giuste competenze in merito e certificarle è un’ottima soluzione, che ci permette di lavorare e vivere sicuri, tenendo al sicuro i nostri dati più sensibili.

Alcuni esempi possono essere, ad esempio, la certificazione in IT Security, che ti aiuta a capire come tenere al sicuro i tuoi dati personali e quelli della tua azienda.
Oppure, la certificazione ICDL, meglio conosciuta come Patente Europea del Computer, ti permette di sapere come orientarti meglio nel web, identificando fake news e pericoli e tenendotene a distanza.
Anche la certificazione e4Job è un’ottimo esempio di un percorso di formazione sulle competenze digitali a 360° e come fare ad usarle al meglio.

Prendersi delle pause

Che sia utilizzando il metodo del pomodoro, oppure decidendo un lasso di tempo personale al termine del quale ascoltare un brano musicale che ci dà la carica, prendersi delle pause è fondamentale, specialmente se si lavora da casa, dove la “pausa caffè” con i colleghi non esiste.

Siate inflessibili con i vostri momenti di pausa, perché vi aiutano a ricaricare la mente ed essere più produttivi per il tempo che ne segue, tenendo sempre ben distante il burn out.

Beamat – Consigli per lavorare bene da casa

Comunicare più del dovuto

Quando si lavora a distanza, la comunicazione non è mai abbastanza.
Per quanto si possa essere un team affiatato, comunque è bene comunicare costantemente, magari anche più del dovuto, quello che stiamo facendo, di cosa abbiamo bisogno, e a che punto siamo del nostro lavoro.

Aprire e chiudere la giornata con una veloce mail di recap, ad esempio, potrebbe essere una buona idea, oppure avere un documento o una nota condivisa dove le persone possono aggiornare queste informazioni.

Per quanto riguarda la comunicazione, proprio per questo motivo la cosa migliore che si può fare è mantenere separati i canali di comunicazione personali da quelli professionali: diversi telefoni, diversi indirizzi e-mail, diversi computer, se possibile.
In questo modo, nel momento in cui decidiamo di staccare la sera, oppure nei weekend, non siamo soggetti alle eventuali comunicazioni, mail e chiamate di lavoro che continuano ad arrivare.

I giorni di malattia continuano a esistere

Solo perché si lavora da casa, non significa che si debba lavorare anche se ci si sente poco bene, anzi.
Se lavoriamo in condizioni non idonee, non solo la nostra produttiva ne risente grandemente, ma rischiamo anche di peggiorare ancora di più la nostra condizione di salute

È quindi importantissimo continuare a prenderci cura di noi stessi, anche se siamo attorniati dagli agi di casa e abbiamo la possibilità di non dover uscire per recarci sul luogo di lavoro.

Pensare a se stessi

La cosa più sbagliata che si può fare nel momento in cui si lavora a distanza è pensare che tutti debbano lavorare nello stesso modo.
Infatti, non solo non tutti svolgiamo le stesse mansioni, ma non siamo tutti uguali e non per tutti le condizioni di migliore produttività sono le stesse.

In alcuni casi estremi, c’è addirittura chi è costretto a condividere lo spazio di lavoro con il coniuge, o con i figli.
Dunque, scegliere la modalità e gli orari di lavoro più adatti alla propria vita privata è fondamentale per assicurare non solo una buona resa, ma anche per mantenere equilibrata la propria vita personale.

Stabilire delle regole con chi condividi lo spazio di lavoro

Al contempo, stabilire delle regole fisiche con le persone (o i bambini) con cui condividiamo il nostro spazio di lavoro è fondamentale.
Solo perché lavoriamo da casa non significa che siamo sempre disponibili, o che, al contrario, la nostra vita lavorativa abbia il diritto di assorbire anche i nostri spazi e i nostri momenti personali.

Diventa quindi fondamentale stabilire con i membri della propria famiglia o con i propri coinquilini delle regole che assicurino il quieto vivere, il rispetto e la produttività di tutti.

Articolo di BEAMAT
BEAMAT
La Redazione di Beamat si impegna ogni giorno per approfondire le tematiche più importanti del mondo del lavoro, dell’educazione e dell’innovazione.
La mission è ben precisa: contribuire a una Cultura Digitale utile, consapevole e sicura.

Questo sito fa uso di cookie tecnici propri e di terze parti, per finalità analitiche e statistiche. Cliccando su , chiudendo questo banner, proseguendo nella navigazione o compiendo altra azione positiva su questa pagina web il visitatore acconsente all'utilizzo dei cookie. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso all'utilizzo di determinati cookie, consultare la privacy policy: Leggi di più